CAMBIO PASSWORD
Compila i campi seguenti per cambiare la tua password.

La tua password può contenere da 5 a 18 caratteri e deve essere più sicura possibile.




LOGIN

Entra con Facebook

Connettiti a Circus News con un click, ottenendo le informazioni necessarie direttamente dal tuo profilo Facebook!
Intervista a Kristian Kristof, coreografo circense del film Dumbo
di SimoneCimino in EVENTI il 31 Marzo 2019

Kristian Kristof è un coreografo circense e ha raccontato come ha portato la sua esperienza nel film.

Il film della Disney "Dumbo" è arrivato nei cinema. Esso mostra incredibili scene di circo, con un sacco di colori, acrobazie, coreografie, magia e elefanti volanti. Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con Kristian Kristof, il coreografo di tutte le scene del circo che vediamo in produzione, e ha rivelato molte curiosità dietro le quinte e l'universo del circo in generale!

Secondo Kristian, la parte più difficile nel creare tutto quello che vediamo nel film è stata la scena della prima esibizione di Dumbo su Dreamland: "Mi è stato chiesto di avere una grande squadra di acrobati composta solo da donne. Avevo pensato ad otto, ma mi hanno detto che non era abbastanza, avevano bisogno di qualcosa di più, di qualcosa come 20 o 25 ". Tim Burton ha detto che aveva bisogno di pensare in grande, ma lo sforzo è valso la pena perché "è stato incredibile": "Credo di poter dire che è il più grande acrobata del circo della storia".

Penso anche che la magia di 'Dumbo' provenga dalla produzione degli effetti soprattutto perché si deve immaginare che Dumbo è lì e deve creare emozioni e  magia. Quindi sembrava strano, ma la tecnologia oggi è così avanzata da aver fatto l'impossibile, è davvero sorprendente per me vedere il risultato finale. Riguardo alla magia, penso che la cosa importante sia il senso di appartenenza. Avere persone di tutti i ceti sociali che vivono e lavorano insieme, e questa è sempre stata la natura del circo. In qualche modo il circo è sempre stato aperto per accogliere le persone ovunque, di tutti i colori e le etnie, e l'accettazione di questi "estremi" della società è la natura del circo. Penso che ci sia un sacco di sentimento, è come avere una grande famiglia ".

A proposito del lavoro con il regista del film, il coreografo ha aperto il suo cuore e ha strappato lodi dicendo "Non mi piace usare la parola 'genio', ma Tim Burton è davvero uno. È un visionario."

Kristian ha anche detto che non aveva mai lavorato dietro le quinte di un film, e che la differenza tra coreografia uno spettacolo dal vivo e un film non è grande: "Per me è difficile capire le decisioni e le angolazioni di ripresa, ma allo stesso tempo ho trattato questo nello stesso modo in cui tratterei uno spettacolo dal vivo. La linea di lavoro era la stessa. Era tutto molto reale, molto simile a quello che avremmo fatto per uno spettacolo dal vivo. "

Kristian è nato e cresciuto in un circo, la quarta generazione della famiglia è nata in quell'ambiente, e ha rivelato di aver portato molte delle sue esperienze nel film. "Mio nonno era l'uomo forte del circo e quando è diventato vecchio ho visto il suo sforzo per guadagnarsi da vivere lì. I miei genitori erano già famosi acrobati, hanno persino vinto alcune competizioni. Così ho preso le esperienze della mia infanzia delle due situazioni che mi hanno fatto capire molto Dumbo e cosa stavano vivendo i figli del film. Le loro vite erano molto simili alle mie, sapevo cosa provavano, l'energia di tutto ciò, ha davvero aiutato a connettere e far sentire gli attori la vera sensazione di quel momento ".

Durante l'intervista, è stata messa in discussione la cura degli animali coinvolti nel film, e Kristian ha detto che sono stati trattati come protagonisti del film e ha avuto tutti i diritti degli attori: "C'era una società che ha supervisionato la salute degli animali nel film ed è stato incredibile. Hanno il tempo di truccarsi, il tempo di prepararsi, possono solo ripetere le scene una certa quantità di volte e poi hanno avuto delle pause. Non appena i cani hanno perso interesse per quello che stavamo facendo, ci siamo fermati e siamo passati alla scena successiva, gli animali non sono stati costretti a fare qualcosa che non volevano fare ".

Per concludere l'intervista, Kristian ha parlato della differenza tra il circo dei fratelli Medici e Dreamland, che come potete vedere sopra non ha paragoni: "Stavamo cercando gli estremi, per separarci visivamente in due mondi. Mostra i piccoli circhi che soffrono per ottenere il pubblico, per fare uno spettacolo, e questo è nel circo mediceo. E dall'altra parte, quando siamo andati a Dreamland, è il contrario, è perfetto, con precisione, ha glamour, bellezza, è più ricco. Cerchiamo di creare questi estremi. La sfida più grande era pensare in grande, perché in qualche modo la mia testa pensava sempre di creare qualcosa di reale, ma dovevamo pensare a qualcosa che non era mai stato fatto prima. Stavamo cercando di separare questi due mondi, ma abbiamo mantenuto il 1920 e il circo tradizionale il più possibile in entrambe le situazioni. "

TAGS
dumbocinematim burtonkristian kristof

0 Commenti:

2000 caratteri rimanenti
Annulla
Commenta per primo questo articolo!
ALBUM AGGIORNATI
Circo Moira Orfei
Niuman Circus (Busnelli)
Rony Roller Circus
Circo Maya Orfei - Madagascar
Circo Castellucci
Royal Circus
NEWSLETTER
Ricevi le ultime news comodamente sul tuo indirizzo email