Dopo il successo per la rubrica “Focus sugli animali del circo“, continuiamo a proporla ogni settimana, fino al 31 agosto 2014.

Questa settimana ci occupiamo di enunciare le principali curiosità che riguardano il lama.

Il lama è un camelide del Sudamerica. Si differenzia dal cammello, perché non ha le gobbe.

Nell’antichità, in Perù, i lama erano utilizzati come animali da soma (come cavalli e pecore). Esso veniva addomesticato già al tempo degli Inca (tra il XIII e il XVI secolo).

Parlando di lama, non possiamo non menzionare il motivo per cui sputano. Essi sputano per difendersi dall’attacco di altri animali oppure dall’attacco dell’uomo.
Ma cosa sputano i lama? Il cibo non ancora digerito, pieno di succhi gastrici e saliva. I lama da allevamento sputano raramente alle persone, poiché solitamente lo attuano solo nella stazione riproduttiva.

Il colore del mantello è vario, passando attraverso alcuni gradi di colorazione, ovvero dal bianco, al giallo, al marrone fino al nero.
La lunghezza del corpo varia tra i 150 e i 200 cm, mentre la coda varia all’incirca tra i 20 e i 25 cm. Esso pesa mediamente tra i 130 e i 160 kg.

Il movimento dei lama appare armonioso, grazie all’uniformità degli arti.
Essi si riproducono dal primo o dal secondo anno di vita. Il periodo amoroso avviene tra il mese di agosto e quello di settembre. La gestazione dura circa un anno, ed al termine nasce un solo cucciolo di lama, che pesa dagli 8 ai 16 kg.

Il lama è erbivoro, quindi si nutre di vegetali come erba e foglie.
Il suo letame è spesso usato come combustibile e come concime per la coltivazione delle patate, in alcune regioni in cui vive.

Un lama può vivere fino a 24 anni.

Vi mostriamo la foto del lama, del circo Bellucci + Mario Orfei. In aggiunta vi proponiamo altre immagini sui lama.