Non è stato convalidato il sequestro dell’orso, dell’elefante, della tigre e dell’ippopotamo effettuato il 3 marzo scorso, a Domusnovas, dagli agenti del Corpo forestale all’interno del circo Martin, preso di mira dagli animalisti e dall’ex ministro Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la difesa degli animali.

A renderlo noto è l’avvocato Francesco Mocellin che rappresenta il circo.

Secondo il legale il sequestro era stato motivato solo parzialmente dai presunti maltrattamenti, poi venivano contestate violazioni alle norme di sicurezza. “Il Gip – spiega l’avvocato – ha rigettato la richiesta di convalida del sequestro non ravvisando, allo stato, il fumus circa la fondatezza delle accuse mosse”. Secondo quanto evidenziato dal legale, il circo Martin sottopone costantemente gli animali a verifiche veterinarie che hanno escluso stati di sofferenza e stress per gli animali.

E l’avvocato passa al contrattacco chiedendo all’autorità giudiziaria più attenzione in merito alle manifestazioni non autorizzate davanti ai circhi.