CAMBIO PASSWORD
Compila i campi seguenti per cambiare la tua password.

La tua password può contenere da 5 a 18 caratteri e deve essere più sicura possibile.




LOGIN

Entra con Facebook

Connettiti a Circus News con un click, ottenendo le informazioni necessarie direttamente dal tuo profilo Facebook!
AMERICAN CIRCUS: IL GRANDE RITORNO A MILANO
di Jean-Marc Trichard in CIRCHI ITALIANI il 16 Novembre 2021

Dopo 16 anni senza visitare il capoluogo lombardo, l'American Circus di Flavio e Daniele Togni fa il suo grande ritorno a Milano dal 22 ottobre al 22 novembre 2021. Presenta una giovane compagnia con uno spettacolo mozzafiato!

La prima cosa che ti colpisce quando arrivi davanti alle maestose installazioni è la dimensione del tendone con i suoi 6 pali, la famosa facciata illuminata dell'American Circus con la non meno famosa biglietteria. Ma la seconda cosa che cattura qualsiasi amante del circo tradizionale è il dolce profumo dei cavalli mescolato al delizioso profumo delle tigri. È vero che oggigiorno nei circhi europei abbiamo sempre meno opportunità di assaporare questa sensazione.
È in questa cornice che la famiglia Togni, e in particolare Flavio, ex star di Ringling Bros & Barnum e Bailey Circus, clown d'oro al Festival Internazionale del Circo di Monte-Carlo, di ritorno da un intervento chirurgico, ci accoglie con un calore umano e un senso di ospitalità che si possono trovare solo in Italia.

L'attrezzatura è imponente e lo spettacolo di altissima qualità, con tutte le discipline del circo tradizionale. Solo gli elefanti sono scomparsi. Spiega Falvio Togni: «Erano troppo vecchi, come me (ride) e come me avevano difficoltà ad attraversare la piazza dalla loro tenda al tendone (di nuovo ride). Oggi sono in ritirata in una riserva in Arabia Saudita. Possono nuotare in un lago e riposare. Avere elefanti era diventato comunque impossibile a causa dei metri quadrati necessari che i luoghi non offrono più. Possiamo anche contestare, ma fare causa è inutile perché dura a lungo e serve a poco.»

La pubblicità del circo è piuttosto discreta in città. Flavio ammette: «La pubblicità è limitata dalle autorità, e le multe sono molto pesanti per i trasgressori». Nonostante tutto, si vedono a Milano pannelli pubblicitari sui pali, sono state incollate 140 locandine, senza contare le numerose locandine dei negozi, e 2 pagine a stampa (su “Il Giorno” e sul “Corriere della sera”). Ma questa piovosa domenica 31 ottobre e nonostante la contemporanea presenza in città del Circo di Mosca, il tendone del Circo Americano è ben riempito per lo spettacolo delle 15:30 e un po' meno per quello delle 18:30 pm. Ma Flavio dice «non è quanto vorremmo».

Jean-Marc Trichard: Avete problemi con gli animalisti in Italia?
Flavio Togni: A volte vengono la domenica, ma quì sono in vacanza… Il Comune non voleva animali, ma noi abbiamo fatto un grande lavoro di sensibilizzazione: le autorità locali sono venute, hanno constatato che gli animali stanno bene e hanno accettato la loro presenza. Le nostre strutture per tigri sono il doppio dei metri quadrati di quanto richiesto dalla legge. Il più delle volte, non è una questione di legge, ma di alcune città che non vogliono animali.

JMT: Come avete superato la crisi del Covid19 e quali sono state le restrizioni sanitarie attuate?
FT: Siamo molto felici di riprendere qui a Milano, dove non venivamo da 16 anni. Siamo partiti da qui per andare al Festival Internazionale del Circo d'Italia. Siamo qui a Milano dal 22 ottobre al 22 novembre. Da febbraio 2020 a ottobre 2021 il circo era fermo ma una parte era impegnata al Circus Nikulin: le tigri, l'alta scuola (con 4 cavalli) e i cavalli in libertà. Gli aiuti del governo sono stati quasi nulla. In teoria, avremmo dovuto ricevere un aiuto per gli animali. Abbiamo fornito l'elenco degli animali al Ministero, abbiamo fatto tutto il necessario. Abbiamo fatto un controllo veterinario per assicurarci che tutto fosse vero... ma l'aiuto non è mai arrivato.
Ora, qui in Italia, gli spettatori devono essere in possesso del "green-pass", essere vaccinati o aver fatto un tampone da meno di 48 ore. Abbiamo ottenuto l'autorizzazione per 1100 posti e il tendone ne contiene 2200. Quindi siamo a posto.

JMT: Come vedi il futuro del Circo Americano e del circo italiano in generale?
FT: Oggi in Italia sono rimasti 2 grandi circhi: noi e Medrano Casartelli, poi ci sono circhi di media grandezza ma di alta qualità. L'American Circus non ha più le 3 piste. Era troppo costoso per il personale, soprattutto per prendersi cura degli elefanti. Ed è meglio avere 1 pista ben riempita che 3 meno cariche. Crediamo nel nostro lavoro, è la nostra vita! I nostri figli sono appassionati di quello che fanno. Dobbiamo aspettare, vedere dove ci porta il futuro e aprirci.

E' una compagnia giovane, ricca e internazionale, ben 7 rappresentanti della settima generazione della famiglia Togni: Ilaria, Erika, Adriana, Enis, Claudio, e naturalmente Bruno. Solitamente Flavio introduce la cavalleria, ma è fuori pista da un po' a causa di un'operazione all'anca. Vi sono rappresentate tutte le maggiori discipline circensi. Si tratta di un vero e proprio grande spettacolo circense tradizionale di alta qualità che si svolge a pieno ritmo senza tempi morti.

All'ora precisa, dopo il fischio, inizia lo spettacolo. Il tendone è immerso nell'oscurità. Poi lo spettacolo inizia con un charivari colorato e frizzante con tutti gli artisti della compagnia.

Si prosegue con l'esibizione del giocoliere Sonny Caveagna con anelli, clave e palline. Al suono di una musica rock molto ritmata e orecchiabile, Sonny dà il tono a quello che sarà lo spettacolo: giovinezza ed entusiasmo. Che talento, che colpo!

La parte comica è affidata all'italo-portoghese Joy Costa, clown da copertina che offre una bella interpretazione delle riprese della rosa e di quella del cinema, accattivante per il pubblico, non senza rischi, ma il più delle volte innesca la risata generale perché il talento per l'improvvisazione del clown mette in risalto un'azione, un gesto inaspettato da parte di uno degli spettatori prescelti.

I nomi di battesimo di Ilaria, Enis o Claudio non suonano molto bavaresi. Ma i tre artisti ci conducono nell'atmosfera felice del "Biergärten" di Monaco, tranne per il fatto che il loro spettacolo comico sul trampolino non sarebbe andato bene se avessero bevuto birra. In realtà le acrobazie di Enis e Claudio sul trampolino richiedono una sincronizzazione che non lascia nulla al caso. Un bel momento che unisce la prestazione fisica con uno scorcio della Commedia dell'arte italiana, senza maschera, ma con pantaloni di vera pelle!

Bruno Togni presenta poi 6 cavalli arabi in libertà: 3 neri e 3 bianchi. A causa della convalescenza di Flavio, è Bruno a garantire il passaggio, ma un passaggio "di lusso" perché molto presto potrà presentare la giostra di Flavio con 16 cavalli.

Il numero del trapezio volante dei Flying Rodrigues proviene dalla Colombia. Questa spettacolare specialità sudamericana entusiasma il pubblico per gli incredibili rischi assunti da questi giovani artisti. Il tradizionale, ma comunque pericoloso, "triplo salto mortale" ha successo al primo tentativo, il che accende l'eccitazione nel tendone.

La seconda parte dello spettacolo inizia con le tigri del Bengala di Bruno Togni. Il bel giovane artista mostra grande fiducia di fronte agli 8 felini: 6 dorati e 2 bianchi. Prestazioni eccezionali con 2 tigri in piedi che avanzano o si ritirano contemporaneamente e una tigre in piedi sulle zampe posteriori che salta sopra una tigre in piedi.

La gabbia centrale viene smontata in un batter d'occhio per far posto alla giovinezza, alla grazia e al talento di Jessika Jasters ed Erika Togni in un perfetto duo di antipodismo. Le 2 "bellezze" fanno girare in piedi tutti gli oggetti possibili e immaginabili.

Poi tornano in pista Ilaria, Claudio ed Enis Togni in un superbo numero di alta scuola. Questo è un'esibizione nella grande tradizione dell'American Circus. Al Nikulin erano in 4 con Adriana che si ritroverà più avanti nel finale.

Los Hermanos Rodrigues, specialisti del brivido tornano poi in pista, o meglio sopra la pista su un filo a grande altezza. Funamboli, ciclisti, saltatori (su due partner), realizzano ogni giorno un'impresa presentando un artista in piedi su una sedia in bilico su una sbarra portata sulle spalle di altri due funamboli. Il pubblico non si sbaglia: è un applauso scrosciante.

Samuele Manfredini porta un ulteriore tocco di poesia, talento e virtuosismo con il suo numero di verticali fluido e potente. Il giovane artista seduce per la sua sobrietà e freschezza.

L'ultimo numero, quello degli acrobati che eseguono salti "fast track", è eseguito dalla compagnia ucraina di Artem Efimov, appena arrivata a Milano. La loro maestria e il ritmo del numero completano al meglio l'esibizione dell'American Circus.

Il tradizionale finale presenta ancora una volta tutti gli artisti in uno spettacolo "all'americana" con il balletto di 6 ballerini.

Tradizione, talento, giovinezza, energia, ritmo, exploit, rischi, risate e calore umano, questo è quanto emerge dallo spettacolo post-Covid all'American Circus di Milano. Ma Flavio Togni ha l'ultima parola e ha ancora una piccola idea per migliorare ancora e ancora: “Penso che metteremo i saltatori in pista nella prima parte e finiremo con i funamboli poco prima del finale. Infatti, renderà la transizione più veloce tra l'ultimo numero e quello finale. Sono necessari solo 30 secondi per rimuovere il tappetino, ma sono 30 secondi di troppo! ".

Articolo Jean-Marc TRICHARD

Foto Michèle & Jean-Marc TRICHARD - CapturEmotion

TAGS
american circustognimilanoflavio tognibruno togni

0 Commenti:

2000 caratteri rimanenti
Annulla
Commenta per primo questo articolo!
ALBUM AGGIORNATI
Circo Martini Tayler
Niuman Circus (Busnelli)
Circo Millennium
Circo Acquatico Denji Show
Circo Henry Niuman
Rony Roller Circus
NEWSLETTER
Ricevi le ultime news comodamente sul tuo indirizzo email