CAMBIO PASSWORD
Compila i campi seguenti per cambiare la tua password.

La tua password può contenere da 5 a 18 caratteri e deve essere più sicura possibile.




LOGIN

Entra con Facebook

Connettiti a Circus News con un click, ottenendo le informazioni necessarie direttamente dal tuo profilo Facebook!
TU SI QUE VALES: Giacomo Saly, il circense 71enne siciliano che vive a Las Vegas
di SimoneCimino in CIRCO IN TV il 14 Ottobre 2018

«Vita in giro per il mondo ma ho l'Isola nel cuore»

Giacomo Saly è nato a Floridia, in provincia di Siracusa. Tutti lo conoscono come Salvatore e molti simpaticamente lo chiamato Turiddu. Una famiglia con una storia tutta legata al circo. La scorsa settimana, lui e il figlio si sono esibiti a Tu si que vales, il talent show su Canale 5

All’anagrafe è Giacomo Saly, ma preferisce farsi chiamare Salvatore. Come lo conoscono gli amici che ha lasciato in Italia. Anzi, in Sicilia che è la sua terra d'origine nonostante il cognome lasci intendere altro. «Mio nonno era ungherese - spiega a MeridioNews - di Budapest per la precisione, ma a 18 anni venne in Italia dove conobbe e sposò mia nonna. Dalla loro unione nacque mio padre e così arriviamo a me che sono nato a Floridia, in provincia di Siracusa», sottolinea orgoglioso il 71enne che, qualche sabato fa, si è fatto conoscere dal grande pubblico italiano per un'esibizione circense durante la prima puntata del programma, in onda su Canale 5, Tu si que vales

GUARDA IL VIDEO DELL'ESIBIZIONE

Salvatore, o Turiddu come ama farsi chiamare scherzosamente, ha il clima dell’Isola dentro. Emigrato a 12 anni con i suoi genitori e i suoi fratelli «non dimentico la Sicilia, è impossibile - dice dall'altro lato del telefono mentre si trova a Las Vengas dove vive ormai da molto tempo - Io mi sento sempre siciliano perché quella è la mia terra a cui resto legato, in particolare alla provincia siracusana». Il circo è il dono ricevuto in eredità da Salvatore. «Quello fondato da mio padre e i suoi cognati era un circo piccolo ma tra i migliori dell’epoca. Eravamo in 13  facevamo spettacoli bellissimi con il numero di bascula (salti molto alti e spericolati, ndr) e il trapezio volante - racconta - Ho esordito come trapezista a 8 anni e il mio primo numero è stato il trapezio Washington per il quale dovevo stare in equilibrio sulla testa».

La famiglia di circensi approda poi al circo Togni con il quale gira tutta l’Italia. Fino a quando la famiglia Saly ottiene un contratto di lavoro in Germania. «Abbiamo lavorato al Circus Krone di Monaco di Baviera. Poi, si sa, quella dei circensi è una vita in giro per il mondo: con la mia famiglia ci spostavamo di continuo e abbiamo lavorato ovunque in Australia, a Hong Kong, in Olanda, in Austria, in Belgio, fino ad arrivare ai Reali di Svezia e Danimarca». Nel 1978 Turiddu, insieme ai suoi fratelli Mario e Carlo, si separa dagli altri Saly. «È insieme a loro che ho creato un nuovo numero fatto di verticali testa a testa con cui abbiamo debuttato al Moulin Rouge di Parigi». 

Un'esibizione complicata in cui uno è in piedi e uno si appoggia con la testa sulla testa dell'altro mantenendo l'equilibrio. È lo stesso numero che Salvatore ha messo in scena sul palco di Mediaset insieme a suo figlio Kristofer, anche lui acrobata che ha partecipato al talent televisivo insieme a un amico artista. Finito il tempo della gara, acclamato dal pubblico e dai membri della giuria, è entrato anche Salvatore che era rimasto dietro le quinte. «Può fare qualcosina con suo figlio?»,  ha domandato Iva Zanicchi e lui ha risposto di sì senza tentennare. «Erano anni che non lo facevo - afferma - e sono rimasto sorpreso io stesso di esserci riuscito, perché non mi ero scaldato prima. È stato un piacere tornare in Italia dopo 15 anni. Sono molto orgoglioso di mio figlio - continua Salvatore - che ha iniziato a nove anni e adesso è molto bravo».

Oggi Kristofer lavora nei principali teatri di Las Vegas, la città dove Salvatore è arrivato 37 anni fa. «Il sogno di ogni acrobata era quello di esibirsi nei teatri grandi e prestigiosi che noi siamo riusciti a conquistare - ricorda - Con i miei fratelli abbiamo debuttato a Reno (in Nevada, ndr) con un contratto per un anno, poi è stata come una palla di neve perché ce l'hanno rinnovato anche per quelli successivi. Lì ho conosciuto una donna americana che è diventata mia moglie e, insieme, ci siamo trasferiti a Las Vegas, dove negli anni ho lavorato con Frank SinatraSammy Davis Jr., Suzanne SomersCharoDebbie ReynoldsDonald O’Connor, l’attore di Singing in the rain, con lui eravamo molto amici».

Salvatore oggi si gode i figli Dolores, Jessica e Kristofer e i nipotini «con la Sicilia nel cuore dove non torno da 50 anni». Lavora ancora e ha un contratto con il Cirque du Soleil. «Resto dietro la scena, però - precisa - e faccio il tecnico perché, a un certo punto, è giusto fare un passo indietro». Con lui è rimasto anche Carlo uno dei fratelli, mentre l’altro propri  in questi giorni è in tour per la Sicilia con il suo circo.

di Danilo Daquino

FONTI
MERIDIO NEWS
TAGS
tu si que valesgiacomo salykristef brotherscanale 5

0 Commenti:

2000 caratteri rimanenti
Annulla
Commenta per primo questo articolo!
ALBUM AGGIORNATI
Circo Real Martini - Orfei
Circo Coliseum - Sandra Orfei
Universal Circus
Circo Orfei - Darix Martini
Circo Orfei - Darix Martini
Circo Colber
NEWSLETTER
Ricevi le ultime news comodamente sul tuo indirizzo email