CAMBIO PASSWORD
Compila i campi seguenti per cambiare la tua password.

La tua password può contenere da 5 a 18 caratteri e deve essere più sicura possibile.




LOGIN

Entra con Facebook

Connettiti a Circus News con un click, ottenendo le informazioni necessarie direttamente dal tuo profilo Facebook!
“Un po’ tutto praticamente nulla” di famiglia Leris Colombaioni
di SimoneCimino in EVENTI il 22 Gennaio 2018

Ritorna a Bologna l’erede della celebre dinastia Colombaioni, da 400 anni maestri assoluti dell’arte del Clown e l’ultima compagnia esistente specializzata nel repertorio delle “farse”. Spettacolo adatto anche alle famiglie!

Uno spettacolo essenziale, fatto di pochi stracci di scena: scope, sedie, colini e sciabole, da giostrare sugli umori e la sensibilità del pubblico. Le “dotte” rivisitazioni filologiche del clawn, gli sgambetti, i nonsense e i funambolismi apparentemente senza canovaccio dei cvolombaioni, fanno lo strano effetto di trovarsi di fronte a qualcosa di trasparentemente surreale. Dalle gags demenziali si passa al “tragico” di Shakespeare dove i Colombaioni parodiano il “Giulio Cesare”, fino ad arrivare a mimare il nulla.

E’ qui, dove magia, luce e musica si fondono in percorsi inestricabili, che nascono le suggestive movenze del Contact; le sinuose e ipnotiche danze del fuoco; le esilaranti e ironiche gesta di improbabili viaggiatori che, dotati di valige di cartone e naso rosso sanno strappare un sorriso anche al più scettico spettatore.

Leris Colombaioni è l’ultimo discendente di una delle più antiche famiglie italiane di tradizione clownesca. La genealogia, che parte dal Padre Nani, grande clown e protagonista del film “I Clown” di Federico Fellini, risale nei secoli fino ai “Travaglia”, compagnia di commedianti che girava di corte in corte a partire dal 1570. Debutta con il circo di famiglia nel 1958, all’età di 5 anni in una borgata di Roma. Nel 1960, assieme al padre e alla madre Huesca Giulia, si esibisce nel prestigioso circo Darix Togni. In seguito si cimenterà con l’avanspettacolo, la rivista, il teatro, il cinema e la tv. Com’è caratteristico della formazione circense egli apprende una vasta varietà di tecniche. Personalmente è convinto che per esprimere il proprio clown interiore al meglio, si debba anche saper essere un saltatore, un acrobata, un cantastorie, un narratore, un giocoliere, un saltimbanco e un attore.“

FONTI
BOLOGNA TODAY
TAGS
leris colombaionibolognaclownteatro

0 Commenti:

2000 caratteri rimanenti
Annulla
Commenta per primo questo articolo!
ALBUM AGGIORNATI
Rony Roller Circus
Circo di Mosca - David Orfei
Circo Medrano
American Circus
American Circus
Circo Orfei - Darix Martini
NEWSLETTER
Ricevi le ultime news comodamente sul tuo indirizzo email